Recensioni

“La seconda porta” di Raul Montanari

Buongiorno Amici Lettori ^_^

Ho atteso qualche giorno per parlarvi di questo romanzo, perché desideravo prima incontrare l’autore.

Sono entrata in possesso di questo libro proprio perché la Ubik di Treviglio, con la quale collaboro già da oltre un anno, mi ha chiesto di moderare l’incontro che si sarebbe tenuto Giovedì 30 Gennaio 2020 (cioè oggi, non ho potuto aspettare oltre per condividere con voi l’emozione provata).

La seconda porta” è un romanzo mainstream, difficile da catalogare sotto un solo genere, che dimostra quanto l’autore abbia cercato (partendo dal dettaglio delle parole a mo’ di trailer a inizio capitolo) di dare vita a uno stile il più possibile unico, a una cifra personale e riconoscibile.

Questo romanzo racconta la storia di Milo, pubblicitario di successo (soprattutto nelle campagne sociali) che in un momento particolare della propria vita si ritrova a dover affrontare degli imprevisti che lo metteranno a dura prova. Non mi dilungo oltre sulla trama del romanzo, che vi lascerò poi in fondo all’articolo, perché voglio invece spendere qualche parola in più sull’autore. In ogni caso sappiate che in questo libro non ci sono eroi, ma persone normali che con i propri difetti, si imbattono nelle curve di una vita imprevedibile.

Noi siamo il nostro passato, anzitutto. Siamo fatti di passato molto più che di presente, perché il presente si sbriciola fra le nostre mani attimo dopo attimo mentre il passato è un nocciolo duro, roccioso. Il passato è quella parte del presente che ha meritato di rimanere dentro di noi per sempre.

Raul Montanari ha un Curriculum davvero notevole. Romanzi, sceneggiature, traduzioni, corsi di scrittura creativa, premi e collaborazioni. La lista è davvero lunga e chiacchierando con lui anche solo per pochi minuti si ha subito ben chiara la competenza e la passione che lo contraddistinguono e che lo hanno portato ad avere un meritato successo.

In lui ho scoperto una persona ironica, gentile (cosa non da poco, almeno per me), e con la grande capacità di intrattenere il suo pubblico.

Sarei rimasta un’altra ora ad ascoltare i simpatici aneddoti legati al romanzo o le sue riflessioni sulla vita in generale in cui è difficile non ritrovasi. Quindi proprio per questo motivo, mi auguro di avere presto occasione di chiacchierare con lui ancora un po’.

Per ora mi accontento di aver condiviso con questo bravissimo autore uno dei tanti momenti importanti nella vita del suo romanzo, edito da Baldini e Castoldi, e conserverò gelosamente nel mio studio la mia copia autografata.

Se non avete ancora letto questo libro, vi consiglio di farlo. Sono certa che ne resterete affascinati quanto me.

Le sedie in prima fila fanno sempre paura (chissà perché?), ma alla fine qualche ritardatario le ha dovute occupare per mancanza di altri posti!
Pienone! E la cosa bellissima è che molti Lettori sono venuti da lontano per ascoltare il loro idolo!

TRAMA:

Milo Molteni è il più grande pubblicitario italiano specializzato in campagne sociali. Molti lo considerano non solo un genio ma un benefattore, anche se chi lo conosce davvero, come la sua ex moglie, la pensa diversamente. Quando muoiono i suoi odiosi vicini di casa Milo acquista il loro appartamento, in cui scopre una porta misteriosa che sembra il passaggio segreto di un vecchio castello. Proprio da qui, una notte, entrerà un giovanissimo migrante in fuga… ma da cosa? Nell’avventura che nasce, Milo scoprirà quanto è difficile mettere in pratica i princìpi umanitari che finora ha solo propagandato. Affiancato da un bizzarro e imprevedibile detective privato che torna per la quinta volta nei romanzi di Montanari, si troverà avviluppato in una ragnatela di enigmi, minacce, vendette, un gioco di scatole cinesi con un finale a sorpresa. E sullo sfondo le trame di Han, un’implacabile organizzazione segreta di giustizieri. Perché puoi chiudere tutte le porte della tua casa, o della tua vita, ma ne rimane sempre una aperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *