Recensioni

“7” di Tristan Garcia

Buongiorno Amici Lettori ^_^

Come andiamo?

Spero stiate bene e vi abbraccio fortissimo.

Stiamo tutti vivendo un momento difficile, ma non abbattiamoci. Teniamo duro e presto passerà.

Io, bambini permettendo, continuo a scrivere, leggere, recensire, pubblicare articoli e organizzare dirette sul web. Desidero tenervi compagnia e allietare come posso questi giorni un po’ sconfortanti. Perché anche l’animo ha bisogno di cure!

Quindi eccomi qui a parlarvi della mia ultima lettura.

7” di Tristan Garcia, edito da NN Editore, una casa editrice da seguire assolutamente, con la quale ho appena instaurato un rapporto di collaborazione che include Leggere Distopico.

Come avrete notato, tutte le mie letture, che siano per Leggere Distopico o per qualcuna delle altre realtà con cui collaboro, passano prima da qui 😉 Ecco perché dovete seguire il mio sito 🙂 Perché qui esce tutto prima 😉

Ma parliamo del libro!

7 non è un romanzo vero e proprio. Ovvero, si tratta di sei racconti più un romanzo breve. Ma tutti questi brani hanno qualcosa che li accomuna (e se siete dei lettori attenti scoverete dei dettagli che legano fra loro tutte le storie).

L’autore infatti gioca con il tempo, con la memoria, ma soprattutto con l’equilibrio, una forza troppo spesso sottovalutata dagli esseri umani.

Le sue storie, arricchite da qualche aspetto surreale che gli conferisce quel tocco originale che suscita curiosità nel lettore, sono come una strana danza, un po’ dolorosa e malinconica.

Leggendo i vari racconti, ho avuto l’impressione che Tristan Garcia prendesse i suoi personaggi per mano, con fare rassicurante, per poi condurli inesorabilmente verso la propria disfatta. Una disfatta, però, permeata di consapevolezza.

Attraverso le sue parole, riuscivo quasi a immaginarmelo, lì, in piedi, a guardare i propri “figli” imparare la lezione che solo la vita avrebbe potuto impartirgli.

Lo stile dell’autore non lascia spazio alla noia. Presenta alla perfezione ogni personaggio, senza celarne i difetti. Tristan Garcia scava nell’animo umano alla ricerca di risposte, o meglio, alla ricerca di conferme.

Una lettura mooooolto particolare, che saprà conquistarvi proprio per la sua unicità.

Prima di concludere, lasciandovi trama e link per l’acquisto, vi faccio una domanda che riprende uno dei racconti.

Se il vostro IO adolescente avesse la possibilità di vedere chi siete oggi, sarebbe orgoglioso di voi oppure no?

Se vi va, rispondete nei commenti o scrivetemi un messaggio sui social 😉

TRAMA:

C’è una nuova droga sul mercato. Si chiama Alice e permette a chi la assume di rivivere il sé dei trent’anni, dei venti o perfino dei dodici. Chi non vorrebbe riprovare l’entusiasmo, le certezze, la sensazione di onnipotenza della giovinezza?
Ci sono rulli di legno che vengono dal passato e portano incise le canzoni indimenticabili del presente, e forse anche del futuro. E poi ci sono dèi alieni che hanno perduto la fede, e realtà parallele dove la rivoluzione sociale è avvenuta davvero. 7 è un romanzo in sei quadri appesi sulla stessa parete, che insieme li contiene e ne illumina la posizione nello spazio e nel tempo. E i personaggi di queste storie, come surfisti temerari, cavalcano le onde per ritrovare quella parte di sé che crede ancora nel futuro, che ha ancora la possibilità di cambiare e di incidere sul destino con una nuova creazione originale.
In bilico tra il distopico e il fantastico, Tristan Garcia gioca con il tempo, lo spazio e la memoria, con l’arte e la fede, con la realtà e la finzione. E ci consegna una Black Mirror letteraria piena di ironia, in un affresco disarmante del mondo e dell’uomo contemporaneo, che non hanno più nulla da desiderare se non la bellezza impareggiabile del passato.

Questo libro è per chi ha sognato di camminare sonnambulo in un disegno di Escher, per chi ha invidiato l’eterno splendore di una mente immacolata,
per chi cerca la bellezza nei frammenti di vetro colorato, e per chi ha capito che tutte le possibili combinazioni della vita non sono rami secchi,
ma un unico tempo presente in cui trovare la propria intima essenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *